MILAN

Biondo medio freddo. Indicato per fototipi chiari con sottotono caldo o freddo. tonalità di un cenere piacevole perchè bilanciato. Bellissimo da solo, può essere scaldato per una nuance più neutra con Venice o reso più luminoso con una goccia di Corrector 33 senza modificare le caratteristiche.

1_MILAN_def.jpg

VENICE

Biondo medio caldo. Indicato per fototipi chiari con sottotono freddo. Può essere miscelato con le tonalità chiare e intermedie per schiarire, scaldare o illuminare. Interessante per bilanciare residui freddi molto chiari.

2_Venice_def.jpg

ROME

Castano chiaro leggermente freddo. Indicato per fototipi chiari e intermedi con sottotono sia caldo che freddo. Miscelato con terracotta per una tonalità più neutra o più calda, con venice per schiarire mantenendo la sua temperatura, con Naples per scurire e mantenere una temperatura leggermente fredda/neutra. Ottimo per sfumature d’effetto ma delicate.

3_Rome_def.jpg

FLORENCE

Bella tonalità terracotta, indicata per fototipi intermedi. Perfetto per ramate e rosse. Ottima base di sfumatura per neutralizzare residui freddi grigio-blu. Può essere utilizzato per scaldare altre nuance intermedie o scure.

4_Florence_def.jpg

NAPLES

Castano scuro leggermente caldo. Indicato per fototipi intermedi con sottotono freddo. Ottimo per tecniche in sfumatura e creare densità. Miscelato con Florence per scaldarlo maggiormente senza schiarirlo, con Palermo per scurire mantenendo la sua temperatura, con Etna per scurire e raffreddare leggermente.    

5_Naples_def.jpg

PALERMO

Bruno caldo indicato per fototipi scuri con sottotono freddo o caldo a seconda del risultato desiderato. Una tonalità versatile e molto amata. Può essere usato per scurire delle tonalità intermedie. Molto bello anche come sfumatura sulla palpebra.    

6_Palermo_def.jpg

ETNA

Bruno molto scuro quasi nero, freddo. Ideale solo per fototipo scuro, può essere usato con moderazione per scurire nuance intermedie o scure. Bello anche sulle palpebre per sfumature fredde.

7_Etna_def.jpg

NOVITA'

COLLEZIONE PRIMAVERA/ESTATE 2022

MAROCCO

Bruno caldo. A differenza del Palermo è più presente al suo interno la componente gialla, che lo rende un bruno più "morbido", più luminoso e meno profondo.

Può essere utilizzato per scurire delle tonalità intermedie o come sfumatura sulla palpebra.

8_Marocco_def.jpg

Visita la nostra pagina dedicata all'Accademia di Formazione per PMU di Dermomedical Italia 

per conoscere tutti i corsi di permanent make up

Scopri tutti i prodotti di dermopigmentazione

RIMANI INFORMATO SU ULTIMI ARRIVI E SCONTI

Thanks for submitting!